Inziamo dalla Giorgio Armani della Putia cioe’ mamma Rosamaria.

Il suo destino era fare la maestra ma...all’amore non si comanda... e quindi gira il mondo seguendo il marito. Passano gli anni e gli amici la esortano ad aprire un ristorante vista la sua bravura e velocita’a cucinare anche per grandi tavolate... ma i tempi non sono maturi. Dopo qualche anno dalla scomparsa di Giorgio, Salvo la coinvolge a Putia ed e’ subito amore a prima vista. Lei e’ il cuore ed il motore di tutto. Sceglie, prepara, cucina, assaggia, degusta, serve, ordina, parla, coccola, accudisce ma soprattutto ama star a Putia in quella che oramai e’ la nostra casa. Una battuta su Rosamaria... non invitatela mai a mangiare sushi sarebbero soldi buttati meglio una bella caponata!De gustibus ...

Salvo: l’illuminato

Amante della lettura, dell’arte, del vino, della buona cucina e di tutto cio’ che solletica la mente e il palato. E’ grazie a lui che a Putia prende forma in tutta la sua permettetemi di dire ‘bellezza’. Sostenitore della cucina siciliana partecipa alla trasmissione televisiva il gambero rosso con un piatto della nostra tradizione cioe’ dei monti iblei. Grande conoscitore di vini e di prodotti agricoli di alta qualita’. Marito di Antonietta che lo supporta/sopporta ormai da anni e papa’ di Giorgio l’intelletuale e Giulia la principessa, gioielli e fonte di energia per la nonna. Una battuta su Salvo: non ditegli mai anche per scherzo di voler aprire un attivita’ nel Burundi ... potrebbe gia’ farvi un business plan con relative percentuali, suddivisioni, moltiplicazioni e radici quadrate.

Tiziana la vagabonda o ciurara!

Si laurea in Sicilia e come tanti altri giovani dell’isola per far carriera lascia la propria terra e gira tra: Pavia, Milano, Miami e Duesseldorf ma sempre con in valigia una bottiglia di olio d’oliva della tonda iblea (quello buono...) o meglio conosciuto fra gli amici di tutto il mondo come:” il Sacro Graal”. Appassionata anche lei di vino, cibo, fiori, viaggi e tutto cio’ che rende la vita migliore e piu’ ricca di stimoli e colori. Non si ferma mai sia fisicamente che mentalmente...puo’ capitare che nella stessa giornata passi dai tavoli della Putia alle vetrine dei negozi della 5th avenue di New York. Si divide tra la Toscana dove c’e’ il suo dolce ¾(meta’ sarebbe riduttivo) Paolo detto: “u Sarausanu” e A Putia. Una battuta su Tiziana non datele mai uno spazio vuoto potreste trovarvi dentro un intero vivaio in un batter d’occhio.

Un bacio a Papa’ Giorgio il nostro angelo custode!